v per viviesco
11 Marzo 2020

Le energie (rinnovabili) da mettere in campo contro la crisi economica da Covid19.

foto news 1

Il Pil italiano nel corso del 2019 è cresciuto del +0,3% in volume, il dato più basso dal 2014, e per il 2020 s’immagina già in questi primi mesi un anno a crescita zero: l’epidemia in corso legata al nuovo coronavirus ha spinto l’Ocse a tagliare le previsioni relative sia al Pil globale (+2,4% rispetto al +2,19% pronosticato a novembre) sia a quello italiano, inchiodato a +0% (da +0,4%). Alcuni settori sono più a rischio di altri – indicativi al proposito i timori legati al comparto del turismo in Toscana – ma è l’intera economia ad essere bisognosa di sostegno: volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, è l’occasione per impostare il nostro modello di sviluppo su binari più sostenibili. Come? Valorizzando ad esempio le produzioni legate alle energie rinnovabili.

«Il difficile momento che l’Italia sta attraversando con la vicenda del coronavirus – osservano nel merito gli oltre 5mila cittadini riuniti nel movimento GeotermiaSì – evidenzia come se da una parte occorre il massimo della unità e compattezza per affrontare a livello sanitario e politico questa grave crisi, dall’altro occorra trovare anche la forza di saper reagire, soprattutto per far fronte ai pesanti effetti economici che essa comporterà. In questo clima, in cui anche in virtù di maggiori margini di spesa concessi dall’Europa, ci auguriamo si arrivi presto a provvedimenti che per una volta siano di davvero di carattere strutturale cosi da poter veramente ammodernare e rilanciare il nostro intero sistema produttivo, ci preme sottolineare come si presenti anche l’occasione di puntare ancor più sulle energie rinnovabili e tra di esse la geotermia, quale volano per la ripresa economica del Paese».

Puntare sulle rinnovabili non significa soltanto combattere la crisi economica legata all’epidemia di coronavirus, ma soprattutto andare a incidere un altro nemico – più invisibile ma assai più insidioso del virus – che minaccia il nostro Paese (economia compresa): la crisi climatica. Secondo i dati elaborati dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, guidata dall’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi, il comparto delle fonti rinnovabili è quello più promettente dal punto di vista occupazionale nell’ambito dell’auspicato Green new deal: oltre 300mila posti di lavoro potrebbero vedere la luce in quest’ambito da qui al 2025.

Il primo passo per ridare ossigeno al comparto passa dall’approvazione del decreto Fer 2 – all’interno del quale è atteso il ritorno per gli incentivi alla produzione di geotermia, inopinatamente esclusi dal Fer 1 –, atteso entro febbraio ma ancora non pervenuto. Ma di fronte alla nuova crisi economica prospettata dal coronavirus, «a patto che la politica ad ogni livello sappia intravedere ed accogliere questa opportunità – concludono da GeotermiaSì – anche i problemi relativi ai mancati incentivi ed al varo del Fer2 dovrebbero avere presto un facile sbocco».

articolo tratto da http://www.greenreport.it/news/




foto news 2
TUTTE LE NEWS
certificazione
Privacy policy Cookie policy Codice etico viviesco su linked in

VIVIesco Srl - Via del Perlar 2 - 37125 Verona - P.Iva e C.F. 00879660199
Controllata da Vivigas S.p.A. - Via Vittorio Emanuele II, 4/28 - Roncadelle (BS), 25030
Web project by Visualevent Srl

VIVIesco,
l'Energy Service Company
di VIVIgas energia dedicata
all'efficienza energetica

vivigas energia
richiedi informazioni
richiedi informazioni

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI